Senza categoria


27 Nov
Martedì

Libertà, professione e cani da guardia

Nella sezione Senza categoria

Gli attacchi da parte dei politici ai giornalisti – in verità dovremmo dire gli insulti – non rappresentano una novità, sia in Italia, nell’epoca degli “innovatori” gialloverdi, sia negli Usa dove impera il biondo Trump. In passato, altri uomini di partito o addirittura di governo hanno cercato di screditare la categoria e di ostacolarne il lavoro, magari minacciando di togliere gli aiuti di Stato alle piccole realtà editoriali. Fascismo nascente o solo intolleranza illiberale? In un certo senso, se gli uomini che gestiscono il potere cercano di usarlo per togliere di mezzo quelli che indagano e che criticano, questa è proprio la prova che il “sistema” funziona, cioè che i giornalisti stanno svolgendo il loro compito. Ma le preoccupazioni restano. Continua…

Nella sezione Senza categoria


Una giornalista siriana uccisa
in Turchia insieme con la madre

nessun commento - Inserito il 24.09.17
(Dal sito di Articolo 21) Si erano rifugiate in Turchia con l’illusione di essere finalmente al sicuro. Speranze squarciate come le loro gole da mani assassine che avevano il mandato di farle tacere per sempre.Sono morte così, nella loro casa a Istanbul, Orouba Barakat, un’attivista siriana e Hala, ...continua
Nuovo Inpgi al lavoro: arrivano i tagli alle pensioni alte?
nessun commento - Inserito il 16.04.16
Il nuovo consiglio di amministrazione dell’Istituto di previdenza dei giornalisti è al lavoro e si attendono le prime decisioni  per la ristrutturazione delle finanze. Marina Macelloni, neo presidente, si è detta convinta che l’Inpgi  possa serenamente affrontare i problemi che ha difronte e difendere la propria autonomia. continua
Controllati i telefoni dei giornalisti:
la Ap accusa la Casa Bianca

nessun commento - Inserito il 18.05.13
Le linee telefoniche dell’Associated Press sono state controllate e intercettate dai servizi segreti americani. E’ il nuovo scandalo scoppiato negli stati Uniti. Segnale grave, che dimostra come la libertà di stampa sia sempre a rischio, anche in una democrazia liberale come gli Usa. continua
Libertà di stampa: l’Italia al 57° posto. Prima la Finlandia
nessun commento - Inserito il 28.01.13
Sempre preoccupante la condizione dell’informazione nel nostro paese sul terreno della libertà di stampa secondo il rapporto annuale di “Reporter senza frontiere”. L’Italia è ora al 57 ° posto. Le discussioni sui bavagli e sulle norme che regolano la diffamazione portano il nostro paese in basso nella classifica internazionale. Dietro ...continua
Giornalisti in piazza: no a capestro
per salvare Alessandro Sallusti

nessun commento - Inserito il 27.10.12
La battaglia continua. Chiamati dalla Federazione della stampa i giornalisti sono tornati in piazza per respingere il tentativo di approvare una legge-bavaglio. Il testo della norma che non farà andare in carcere Alessandro Sallusti, ma contemporaneamente aggraverà le sanzioni pecuniarie in caso di diffamazione, si è comunque fermato in Senato. continua
Grasso: “Il telecronista narratore”
Ma è meglio un osservatore attento

nessun commento - Inserito il 10.10.12
“Più che altro ci vorrebbe un raccontatore”. Ha concluso così il suo ragionamento, Aldo Grasso, sul Corriere on line del 10 ottobre, a proposito dei telecronisti sportivi. Ma forse la sua osservazione non ha colto nel segno. Al giorno d’oggi sembra passato un secolo da quando Carosio o Martellini (“perfino ...continua
Il seno nudo della principessa: uno scoop? No, solo una foto proibita
nessun commento - Inserito il 21.09.12
Il seno nudo della principessa Kate ha dato il via ad una tempesta. La pubblicazione delle foto scattate in Francia ha provocato la sentenza di un tribunale che ha condannato il tabloid per violazione della privacy della famiglia reale inglese. Sembra che gli avvocati chiederanno anche i danni alla proprietà ...continua
Grida aiuto la redazione del Manifesto: amministrazione controllata
nessun commento - Inserito il 09.02.12
Il ministero per lo Sviluppo economico ha avviato la procedura di liquidazione coatta amministrativa della cooperativa editrice il manifesto. Ma il giornale resta in edicola e rilancia. Questa procedura particolare - alternativa alla liquidazione volontaria e riservata tra gli altri alle cooperative - cautela la cooperativa da eventuali rischi di fallimento. continua
Concita De Gregorio non più direttore
ma all’Unità ci sarà un rilancio?

nessun commento - Inserito il 20.06.11
“Una stagione felice, un impegno giunto al termine”. Così Concita De Gregorio e l’editore Renato Soru giudicano gli ultimi tre anni di lavoro all’Unità, che dal 1° luglio cambierà direttore. Entrambi convinti che il giornale sia stato e debba rimanere una “palestra di confronto”. Il sindacato chiede un’azione che rilanci ...continua


Tutti i contenuti © 2008 giornalismo e democrazia