La professione


01 Nov
Lunedì

Trasmettere gli interrogatori di Misseri
vuol dire violare i diritti della persona

Nella sezione La professione

L’utilizzazione in tv della voce di Michele Misseri, registrata durante gli interrogatori per il delitto di Avetrana è qualcosa di nuovo nel panorama del giornalismo italiano. Supera, forse, i limiti di un corretto esercizio del diritto di cronaca. Mi domando se abbiano fatto una riflessione approfondita i giornalisti che hanno mandato in onda quelle domande e quelle risposte. Continua…

Nella sezione La professione


Chi ha paura dell’endorsement? Uno studio
sul rapporto fra giornali e politica

nessun commento - Inserito il 01.11.10
L’endorsement, la dichiarazione da parte del direttore di un giornale in favore di un partito o di un uomo politico, alla vigilia delle elezioni, è ancora un oggetto misterioso in Italia. E ciò a differenza di quanto avviene in molti altri paesi, soprattutto dell’area anglosassone. Uno dei pochi casi, quello ...continua
Fini, Berlusconi e le società off shore:
i giornalisti non sempre aiutano i lettore

nessun commento - Inserito il 19.10.10
Il dramma forse più angosciante del giornalismo moderno è quello che potremmo definire il pasticcio delle competenze o la confusione degli ambiti. Facciamo qualche esempio a caso dalle ultime e più appetitose vicende: la famosa casa di Montecarlo e il complesso di Antigua. I due schieramenti che si fanno la ...continua
La diretta dalla miniera del Cile:un’occasione
perduta dalle nostre televisioni

nessun commento - Inserito il 14.10.10
Un’occasione perduta? Di più: la prova dell’insipienza e dell’incapacità di coloro che maneggiano la tv, in Italia. In tutti i paesi del mondo la gente è stata per ore e ore attaccata al televisore ed ha sofferto insieme ai cileni, mentre la capsula d’acciaio portava su i minatori intrappolati nelle ...continua
Autocritica, chiede Napolitano ai giornalisti
ma pochi sembrano accogliere l’invito

nessun commento - Inserito il 24.07.10
Il Presidente della Repubblica, nel ricevere il tradizionale ventaglio offerto dai giornalisti parlamentari, ha parlato di “considerazioni critiche” nei confronti dei giornalisti e di “..autocritica per responsabilità ed errori che non si intende negare”; “considero positiva – ha aggiunto -  questa apertura, cui si vorrà certo dare coerentemente seguito.” Si ...continua
Ma il pensiero non vola su Twitter
nessun commento - Inserito il 17.12.09
Hanno colpito il premier e si moltiplicano gli appelli a far "cessare il clima di violenza che c'è nel paese". Ascoltarli vorrebbe dire sostituire al braccio di ferro tra le istituzioni e allo scontro quotidiano sui media una discussione civile, condotta con gli argomenti della ragione. Lo si dice da ...continua
Libertà di stampa violata, annullata, calpestata
Giornalismo e democrazia con gli studenti della Luiss

1 commento - Inserito il 27.11.09
Ci sono tanti modi di limitare, calpestare, violare, la libertà di stampa. Il 23 novembre, “Giornalismo e democrazia” ha tentato di illustrarne alcuni agli studenti della Facoltà di Scienze della comunicazione della Sapienza e ai cittadini intervenuti nel centro congressi romano di via Salaria. Lo abbiamo fatto con l’aiuto del ...continua
Le violazioni della libertà di stampa
in un seminario alla Sapienza

nessun commento - Inserito il 14.11.09
Difendere la libertà  di stampa. Come? Attraverso un lavoro di sensibilizzazione dei cittadini, in tutte le sedi e le occasioni possibili. E’ l’impegno che ha preso “Giornalismo e democrazia” dopo la manifestazione pubblica in piazza del Popolo, il 3 ottobre a Roma. Per fare questo l‘associazione organizzerà convegni, seminari, momenti ...continua
Un giornalismo così è solo “spaccapaese”
nessun commento - Inserito il 18.10.09
C'è o non c'è un limite deontologico alla (non)libertà d'informazione nell'Italia di oggi? E se c'è,  chi lo fa rispettare? Due domande retoriche. Il limite sappiamo che c'è, stabilito per legge (art.2 della legge professionale): tutela della “personalità altrui”, “rispetto della verità sostanziale dei fatti”, “i doveri imposti dalla lealtà ...continua
I giornalisti? Il loro mestiere è importante
anche se ci sono bugiardi e farabutti

nessun commento - Inserito il 05.10.09
Il 62% degli americani pensano che le critiche della stampa ai politici siano utili perché impediscono loro di “doing things that should not be done”, cioè fare quello che non dovrebbero. E lo pensano benché solo il 29 % per cento di loro considerino “straight”, diciamo corretto, il trattamento delle ...continua


Tutti i contenuti © 2008 giornalismo e democrazia