Ott 02
VenerdĂŹ
Deontologia
Bossetti e padre Graziano
massacrati sugli schermi Rai

Un massacro, povero Bossetti! A Porta a Porta va in onda il processo per l’uccisione di Yara. Ma è questa la funzione di una trasmissione giornalistica? Tre giornalisti (Vespa compreso) e altrettanti “esperti” cercano di valutare gli indizi finora emersi dall’inchiesta. Litigano, battibeccano. Ciascuno tenta di far prevalere la propria opinione. Il servizio pubblico della Rai va a farsi benedire.

Porta a Porta non era un programma di giornalismo politico? Ormai, visto il flop dei talk show, affondati in tutti i canali dalla faziosità dei partecipanti, anche Bruno Vespa vira sul versante della cronaca, senza accorgersi che da lui ci si attende altro e che all’interno dei contenitori pomeridiani ci sono concorrenti agguerriti. Il pubblico ascolta. Si parla di Massimo Bossetti e del processo per l’uccisione di Yara Gambirasio. Ma, subito dopo, anche della scomparsa di Guerrina Piscaglia e delle accuse all’ormai celeberrimo padre Graziano. Poi altri casi di “nera” sui quali si attende che i giudici facciano chiarezza.

Si tratta di una grave involuzione del giornalismo televisivo, sulla quale dovrebbero riflettere: i dirigenti Rai (ecco un’occasione per il nuovo CdA), il Garante della Privacy, nonché gli Ordini dei giornalisti, perché non c’è dubbio che gli iscritti all’Albo, ormai vadano al di là dei compiti che la legge loro attribuisce.

Il diritto di cronaca e di critica di cui essi dispongono, infatti, non può significare sostituirsi ai giudici e istruire sommari processi televisivi. Gli atti, gli indizi, le indiscrezioni sulle indagini non possono diventare il canovaccio sul quale costruire traballanti castelli, non possono essere usati per intrattenere milioni di persone. Massimo Bossetti, padre Graziano e tutti coloro che sono coinvolti in simili vicende, hanno diritto ad un processo giusto. Finora sono innocenti e non essendo ancora state pronunciate le sentenze, non possono essere massacrati con le terribili armi della tv. (vr)


Tags:

Scrivi un commento



Tutti i contenuti Š 2008 giornalismo e democrazia