Gen 10
Domenica
La tortura in Usa?
Tecniche di tortura per interrogare i detenuti?
Gli Usa utilizzano anche sofferenza e terrore

Esiste la tortura, negli Stati Uniti?Perché le sofferenze, il dolore, il terrore possono essere usati durante gli interrogatori? Alcuni detenuti  sospettati di attività terroristica in favore di Al Qaeda sono  stati trasferiti in Europa,  provenienti da Guantanamo, la prigione  che Obama ha deciso di chiudere. Due sono anche nel nostro paese. Come sono stati trattati questi uomini? I loro diritti sono stati violati dall’amministrazione Bush? “Giornalismo e democrazia” – insieme con l’associazione LSDI - pubblica per intero i documenti del Dipartimento della Giustizia, in cui si giustifica l’uso della violenza durante gli interrogatori condotti dalla Cia. Si tratta di testi  che in Italia neppure i giornalisti avevano  ancora letto.

Scarica i memorandum in formato pdf

Leggi

1. Gli interrogatori, quando la brutalità diventa tortura? di Matteo Bosco Bortolaso

2. Nel mirino di un giudice indipendente di M.B.B.

3. Un giornalismo basato sulla lettura dei documenti di Raffaele Fiengo

4. I testi dei quattro memorandum


Tags: , , , , , , , , ,

2 commenti a “ Tecniche di tortura per interrogare i detenuti?
Gli Usa utilizzano anche sofferenza e terrore ”
  1. Marco Masi

    12 Gen, 2010
    Reply

    La nazione che tutti i giorni si fa paladina dei diritti umani è poi responsabile di violazioni clamorose: La lotta al terrorismo non può essere attuata calpestando le persone e sottotoponendole ad atrocità inaudite. Sembra di tornare indietro di secoli, come se la civiltà giuridica fosse ancora vicina all’anno zero.

  2. Massimo Del Bello

    23 Gen, 2010
    Reply

    La civiltà è qualcosa che può anche regredire, soprattutto quando gli uomini hanno paura. Non riuscendo a sconfiggere il fenomeno del terrorismo - che ha loro inferto profonde ferite - gli Stati Uniti usano metodi inaccettabili. E’ in questi casi che si vede se un popolo è veramente rispettoso della vita e dei diritti umani.


Scrivi un commento



Tutti i contenuti © 2008 giornalismo e democrazia