Gen 15
Giovedì
News
Pubblicità on line: Espresso e Rcs si alleano

Gruppo Espresso e Rcs Corriere della Sera si sono presi a braccetto. I due colossi dell’editoria, nemici acerrimi sul mercato dell’informazione, hanno stretto un accordo per catturare più pubblicità. In tempi di magra, la collaborazione può evitare guai maggiori, visto che la pubblicità è in calo e che aggiudicarsela è sempre più difficile. L’accordo, tuttavia, ha già provocato proteste all’interno delle redazioni giornalistiche.

La prima notizia è venuta da un comunicato con cui i due gruppi hanno annunciato di aver costituito un Consorzio per favorire la collocazione delle inserzioni pubblicitarie sui rispettivi siti on line. Quando la notizia si è diffusa fra i giornalisti delle redazioni delle due imprese editoriali è cominciata la discussione: in che misura quegli accordi, che annunciano una collaborazione fra soggetti da sempre avversarie e concorrenti, alterano il mercato e prospettano una volontà di procedere affiancati anziché contrapposti? Il Comitato di redazione di Repubblica ha interpellato anzitutto il direttore Ezio Mauro, che si ì detto però all’oscuro della vicenda. Il CdR, ha protestato per non essere stato informato, in violazione delle norme contrattuali ed ha chiesto la pubblicazione sul quotidiano di questo comunicato:

“Il Comitato di redazione apprende da una notizia di agenzia che il Gruppo Espresso-La Repubblica e la Rcs-Corriere della Sera hanno fondato un consorzio per offrire agli inserzionisti posizionamenti pubblicitari particolari sui siti Internet d’informazione dei rispettivi gruppi.

“Il Comitato di redazione, denunciando la violazione compiuta dall’azienda che ha omesso di comunicare preventivamente al sindacato l’avvenuto accordo - così come stabilisce il vigente contratto nazionale di lavoro - pone all’attenzione i rischi di confusione tra contenuti giornalistici e pubblicità e il possibile tentativo da parte degli inserzionisti di condizionare l’autonomia e l’indipendenza della testata.
”Il Comitato di redazione avverte l’editore che non saranno tollerate “derive” in tal senso e chiede un immediato confronto sui contenuti dell’accordo, ricordando che esistono regole, nel rispetto del prodotto giornalistico e del lettore, che in nessuna circostanza e per alcun motivo possono essere vanificate”.
Una nota preoccupata è venuta anche dal segretario del sindacato romano dei giornalisti, Paolo Butturini, che ha definito più che giustificato l’allarme che si è diffuso nelle redazioni. Sulla non belligeranza fra Espresso-Repubblica e la Rcs, sia pure limitata ai notiziari dei siti on line, hanno espresso perplessità anche i dirigenti di altre aziende, che vedrebbero nascere una pericolosa concentrazione, che potrebbe infatti rendere più difficile la vita e la raccolta pubblicitaria dei concorrenti più piccoli. (vr)


Tags: , , ,

1 commento a “ Pubblicità on line: Espresso e Rcs si alleano ”
  1. Non sapevo di questa “santa alleanza” fra i due competitori principali dell’editoria italiana.

    Ci manca solo che oltre al duopolio televisivo qualcuno provi anche ad instaurare il duopolio digitale. Comunque non mi sorprende che il CdR non sia neanche stato interpellato a tal proposito. Per quel che ho potuto constatare nella mia finora piccola esperienza, il CdR ha pochissima voce in capitolo. Soprattutto nei grandi gruppi…

    Un saluto a tutti, vi seguo con attenzione


Scrivi un commento



Tutti i contenuti © 2008 giornalismo e democrazia