21 Apr
Giovedì

“Panama papers”: ecco come sarà il giornalismo

L’inchiesta internazionale sui “Panama papers” non è solo servita smascherare un colossale giro di evasione fiscale, ma ha dato una risposta per quanto riguarda il futuro del giornalismo. Chi pensa che questa attività stia per precipitare nell’oceano del fai da tè, ha davanti la prova che solo giornalisti superpreparati e addestrati potranno affrontare le sfide future.

Le prime notizie sono venute fuori dopo un anno. Già questo dimostra che fatica dovranno fare i giornalisti dei prossimi anni. Perché tanto tempo c’è voluto per controllare le informazioni contenute nei files (ben 2,6 terabyte!) usciti misteriosamente dai computers del Mossack Fonseca, lo studio legale di Panama che creava le società offshore che servivano a nascondere al fisco dei diversi paesi i guadagni, leciti o illeciti.Il quotidiano tedesco “Suddeutsche Zeitung” che erano entrato in possesso del materiale, non se l’è sentita di fare da solo e per gestire una simile massa di nomi e di dati ha chiesto aiuto all’International Consortium of investigative Journalist, un’organizzazione a cui aderiscono organi di informazione di settanta nazioni (per l’Italia c’è l’Espresso).
L’unione ha fatto la forza, ma non solo. Ciascun giornale del gigantesco gruppo ha messo al lavoro i propri esperti e solo dopo un anno è stato deciso che i riscontri erano sufficienti e che era possibile pubblicare. Perché ormai erano state fatte verifiche su ciascuno dei personaggi contenuti nell’elenco ed erano stati trovati, comunque, dei riscontri. Per questo anche l’Espresso ha pubblicato. Da notare la differenza con le liste di nomi spifferati da Wikileaks. Anche quelli erano usciti da misteriosi computer, ma su di essi non era stato fatto alcun accertamento. Qui il giornalismo non era intervenuto, non c’era stata intermediazione. Chi pubblicava lo faceva sapendo che rendeva pubblico un fiotto d’acqua, più o meno melmosa, sulla quale nessuno aveva indagato.
Quella dei Panama Papers è invece un’indagine giornalistica vera e propria, per quanto colossale. In futuro quali editori saranno in grado di finanziare inchieste così costose? Ecco un problema. Dipenderà dai cittadini, da quanti dimostreranno di essere disposti a leggere e a pagare indagini e notizie così complesse e così rischiose. Il lettore dovrà essere certo che le informazioni raccolte siano state vagliate da segugi esperti di economia, di finanza, di Fisco, di trattati internazionali, non da dilettanti da quattro soldi. Chi preparerà questi superprofessionisti: gli editori, l’Università, l’Ordine?

Senza categoria - di Vittorio Roidi

L’intervista di Vespa:rischiosa
e la Rai ha voglia di censura

L’intervista tv di Bruno Vespa  al figlio di Totò Riina è servita a farci capire due cose. La prima riguarda la famiglia di un mafioso, come è fatta, come vive. La seconda spiega come mai l’Italia sia considerata agli ultimi posti, nelle classifiche sulla libertà di stampa. Un paese nel quale i giornalisti sono minacciati, da una parte dai criminali, ... continua

Senza categoria

Nuovo Inpgi al lavoro: arrivano i tagli alle pensioni alte?

Il nuovo consiglio di amministrazione dell’Istituto di previdenza dei giornalisti è al lavoro e si attendono le prime decisioni  per la ristrutturazione delle finanze. Marina Macelloni, neo presidente, si è detta convinta che l’Inpgi  possa serenamente affrontare i problemi che ha difronte e difendere la propria autonomia. continua

News

Perché il contratto nazionale
resta in vigore per 6 mesi

Il contratto nazionale di lavoro giornalistico Fnsi-Fieg resterà in vigore ancora per 6 mesi. Federazione nazionale della stampa italiana e Federazione italiana editori di giornali hanno sottoscritto un verbale di accordo in cui, confermando l’impegno a proseguire le trattative, già avviate, per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro, hanno prorogato fino al 30 settembre 2016 il contratto vigente. continua

News

La Stampa: lasciano gli Agnelli
e arriva la Garante

La Stampa: lasciano gli Agnelli<br>e arriva la Garante Al quotidiano La Stampa ci sono due novità: la prima è il disimpegno della famiglia Agnelli, la seconda è l’istituzione del Garante del Lettore. L’effetto sul giornale provocato dall’uscita, o quasi, dell’azionista principale – che porta il giornale nell’impero guidato da De Benedetti e decide di dedicarsi solo alle automobili, lo vedremo nel tempo. L’innovazione del Garante, invece, può essere ... continua

In evidenza - 17-12-2015 - commenta

Vittorio Di Trapani rieletto
alla Segreteria dell’Usigrai

Vittorio Di Trapani rieletto Segretario dell'Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai aderente alla Fnsi. Di Trapani, 40 anni, napoletano era stato scelto la prima volta a Salerno nel 2012. Sarà segretario per un altro triennio. Questo il testo della mozione approvata (un astenuto) dal congresso, a sostegno della candidatura di Di Trapani: “I giornalisti dell'Usigrai riuniti in Congresso dicono sì all'innovazione e a riorganizzazioni della informazione Rai, per dare ai cittadini più ... continua

DOCUMENTO

Cassazione civile: quando la critica
è lecita e non offende la reputazione

In quali casi l’esercizio del diritto di critica non lede la reputazione altrui? La terza sezione civile della Cassazione ha affermato che, affinché ciò avvenga, è necessario che si manifesti “un dissenso ragionato”esercitato attraverso espressioni “strumentalmente collegate”. continua

Altro nella sezione: Le sentenze

LA DISCUSSIONE

Ordine, che fare? Seppellire
o migliorare l’idea di Gonella?

Del giornalismo nessuno si interessa. In questa fase della vita del paese, così tesa al risanamento sia economico sia politico, l’informazione non sembra un problema. Come se andasse per il verso giusto. Povero Guido Gonella! Quaranta anni fa si batteva per far approvare la legge che, attraverso l’istituzione dell’Ordine, prometteva agli italiani giornalisti professionali obbligati alla ricerca della verità. Invece, dappertutto compaiono pseudo professionisti, impreparati e per di più faziosi, impegnati a sostenere la tesi di un partito più che a cercare notizie vere, o almeno verificate. Ci sarà qualcuno disposto ad una riflessione, magari in un Parlamento pieno di ... continua

Altro nella sezione: La discussione



Tutti i contenuti © 2008 giornalismo e democrazia